lunedì 26 febbraio 2018

Lunedì.....Buran non ti temooooo!!!!

Ciao,
neve e cappello cloche Freeform.
Adoro questo tipo di lavorazione.......ma,

parliamci chiaro, a Roma la neve crea solo disagi.

Apro stamattina le finestre e che ti vedo?????

Nooooooo......... panico alle stelle
mo' che famooooo???? 
( tipica espressione romanesca)

Perchè a Roma abbiamo il Papa, il Colosseo, il Circo Massimo......
e tutte le bellezze più belle del mondo.........
ma la neve no,
con la neve si crea il macello, 

servizi rallentati, 
macchine che pattinano manco fossero alle giostre,
pedoni che si scaracollano sul ghiaccio,
( altra tipica espressione..... significa cadere)
pure i cani hanno problemi......
ne ho visti alcuni con gli stivaletti....poveriiiiii .

Solo i ragazzini sono felici,
come in vacanza 
niente scuola,  pallate di neve...
pupazzi strampalati....
e il  cortile che è diventato un pantano di fango.........

Poi la tua amica ti manda la foto dal suo terrazzo......
e allora diventa tutto romantico e bellissimo.

Ti rimetti al lavoro,
il sorriso stampato sul tuo viso.

Il sorriso delle piccole Matryoske dipinto o ricamato su una tela leggera leggera.
Quasi pronte per partire lontano.
Loro del Buran se ne fregano......
tanto mica sono di Roma.

Vabbe', oggi non è giovedì
ma il post sulla neve a Roma è obbligatorio,
se poi ti ho fatto fare 2 risate.....
sono felice.

Un bacio scrocchiosissimo 
buon tutto quello che stai combinando...

e speriamo che sto' Buran passi al più presto.

Ci aggiorniamo giovedì.

Ciao, Cinzia

n.b. il romanesco.......è per sdrammatizzare

3 commenti:

carmen ha detto...

Ah, voi romani...per un po' di neve!
Scherzo, naturalmente, capisco che per chi non è abituato può rappresentare un problema...
Ma che belle le tue matriosche, a giovedì allora!

cinziacrea ha detto...

Noooo mica è un problema.....
è un dramma!!!!
Arriverà l'esercito " operazione strade ripulite"
Haaahhhaaah
Baci tantissimi e grazie
Cinzia

§©@Ʀ@ƁƠƆȻҥɪʘ ha detto...

:) :) :) leggo questo tuo commento alla neve, con un "leggerissimo" ritardo: il tuo modo di raccontare il disagio ormai ampiamente passato è davvero esilarante!
Non ti so dire il perché, ma quelle orme sulla neve mi inquietano parecchio: ma quanto siamo altalenanti mentre camminiamo? ^^